14 feb 2014

Cronache di moda: NYFW FW14/15


Casa → Lavoro. Lavoro → Casa. E' una pendolare la donna newyorkese, una donna metropolitana che si butta nella folla per percorrere le vie della Grande Mela mai toccate dai raggi del sole (ma si fa bastare quello che filtra dalle finestre inviolabili dei grattacieli), che si districa facilmente tra taxi e subway e mangia di fretta un sandwich su una panchina di Central Park. Una volta arrivata a casa non vede l'ora di liberarsi dei monotoni tailleur imposti dal rigido dress code lavorativo per avvolgersi in morbidi poncho di cashmere e mettersi in ciabatte. Ecco che poi però si cominciano a notare dei piccoli azzardi: i pantaloni di paillettes con il blazer, l'abito di chiffon celato dal maglione, la tutina di paillettes sotto il wrap dress, l'orecchino da gran sera su un abito di jersey e la pochette mascherata da take-away cinese, magari da mettere in bella vista sulla scrivania per il boss che la crede una workhaolic incallita (mentre lei fantastica di trovarsi allo Studio54 e conta i minuti che la separano dal timbro del cartellino!). Il piumino è ancora ai margini e lasciano campo libero alla lana mohair che spadroneggia costringendoci ad armarci di rullo leva-pelucchi, il suede non teme nè pioggia nè neve e si sfida la Corrente del Labrador con sandali e calzini velati, il platform si concede un ritorno in grande stile raddoppiando mentre ricompare la coulisse sugli stivali oltre che sui pantaloni. I cuissardes raggiungono livelli estremi, quasi hard, rendendo inutili i pantaloni. La borsa è superflua e subisce un ridimensionamento apicale diventando, quando c'è, micro o slim effetto-sottiletta. Un accessorio, a quanto pare, sopravvalutato negli ultimi anni: nessuno infatti sembra dar troppo peso a questa estinzione di massa. La sciarpa non è più un vezzo soggetto alle mode ma un capo salvavita che all'occorrenza diventa un coprispalle improvvisato o un rafforzativo del maglione mentre il manicotto è più una necessità che un capriccio da zarine. E con lo spirito olimpico ancora nell'aria anche l'ultima cortina è stata abbattuta.

0 comments: