10 lug 2013

The Dark Passenger of Hedi Slimane

{ 1 | obi belt con anellini sui bordi Asos -liscia semplice Asos 2 | maxi dress con scollo a V profondo MangoOutlet -simile Asos 3 | matita khôl Kiko 4 | pumps con cinturino sul collo del piede Fornarina -senza cinturino Even&Odd o con perline Zara 5 | cappello fedora con dettaglio dorato Asos }

Se è possibile ricercare un difetto, tra i tanti, dell'essere umano è il fatto di credere che le cose buone e giuste possano durare in eterno: il viaggio di Stefano Pilati con la maison francese Yves Saint Laurent si interrompe improvvisamente dopo otto anni di collaborazione e una straordinaria scia di successi, soprattutto finanziari. Al suo posto irrompe come un fulmine a ciel sereno un nuovo enfant terrible, Hedi Slimane, trascinandosi dietro tutto e il contrario di tutto: i pareri ingloriosi della critica giornalistica, buyer disorientati e l'acclamazione di Pierre Bergé, storico compagno dello stilista scomparso nel 2008. Non fa in tempo a sedere sul trono affidatogli che ne stravolge i connotati: con una precisa strategia fa sparire un terzo del nome del brand, modifica lo storico logo oltre che il packaging e fa gradualmente dimenticare tutto il lavoro di Pilati. Sa che l'eredità raccolta comporta anche grandi aspettative ma non si lascia intimorire e persevera, a rischio di passare per arrogante, ad imporre la nuova identità che ha in mente per il marchio. Pensando forse di riuscire a sovvertire anche il normale ciclo delle stagioni Slimane presenta una collezione PE2013 più autunnale che estiva: i capi simbolo ci sono ancora ma sono rivisitati secondo il suo gusto personale, la pelle scamosciata e la nappa black dominano la scena per un'atmosfera heavy ma anche rock. Sembra di trovarsi in un club parigino di electro funk ma anche ad un concerto hippie: la musica che permea ogni istante della vita dello stilista viene riversata in passerella in un flusso interminabile di note. La pressione è tanta ma Slimane non sembra curarsene: il suo passeggero oscuro è li per quello.
 

0 comments: