02 lug 2013

Eco-chic: un trend... riciclato

 
{ 1 | midi dress con applicazioni Asos 2 | zeppa effetto legno Jeffrey Campbell 3 | scarpe a vortice Julian Hakes via Shopakira 4 | pochette scatoletta Olympia Le-Tan 5 | tube skirt con maxi strass Topshop 6 | clutch a conchiglia PapàRazzi }

Se la crisi impone di trasformare necessità in virtù i cambiamenti climatici non sono da meno: i designer, consci di esercitare una notevole dose di influenza sul pubblico, sembrano intenzionati a dare il buon esempio. E' così che il Grand Palais di Parigi diventa la sede di una rivoluzione ecologica ed energetica: imponenti pale eoliche sovrastano la scena mentre i pannelli solari a pavimento contribuiscono a creare una moda di impronta sostenibile. L'ispirazione viene da un momento di tranquillità al parco vissuto dallo stilista in cui, in un flusso di eco-consapevolezza, ripensa agli elementi naturali come esseri liberi e inviolabili: da lì Karl Lagerfeld si lascia trasportare dalla fantasia e, complici le priorità che il momento storico richiede, non lesina su dettagli a tema per abiti e accessori che non si fermano ad un'unica collezione ma contagiano anche la successiva Resort 2014 dove una boccetta dell'iconico profumo N°5 viene riciclata come borsetta da sera, idem per Alber Elbaz che fa del profumo Arpege di Lanvin una inaspettata minaudiere. La svolta ecologica richiama all'ordine altri designer pronti a riadattare oggetti di uso domestico: Chistopher Kane ruba dalla cassetta degli attrezzi tirando fuori bulloni a farfalla, tubi a spirale e nastro adesivo che prendono il posto di bottoni e zip mentre Alessandro Dell'Acqua fruga nella raccolta differenziata cercando insoliti decori dall'allure moderna per i suoi midi-dress. C'è una diversa energia in passerella, ed è sicuramente pulita.

0 comments: