04 apr 2013

Il neon... ma non era out?

{da sinistra: collier in cristalli swarovski Tom Binns via Net-a-Porter, bib necklace smaltata Asos -simile Asos}

Lasciati ai pargoli i pastelli visti da Louis Vuitton e Blumarine non c'è niente di meglio che cominciare gli acquisti estivi con qualcosa di forte che accenda subito gli animi: da Costume National il tripudio di fucsia fluo ci costringe a strizzare gli occhi ed Ermanno Scervino sembra divertirsi a pasticciare con abbinamenti cromatici strong. Aumenta la consapevolezza in termini di self-confidence femminile: il ruolo della donna si slega da quello che per anni è stato di madre-moglie e trova nei colori un fedelissimo alleato per la rinascita esteriore trainata da quella interiore. Non sono solo le giovanissime a voler sperimentare: anche in tempi di crisi alcuni consumi, che i poco accorti giudicheranno banali, reggono, a partire dal rossetto squillante fino al collier vitaminico. La moda rimane il luogo dove misurare la cura verso se stesse, dove un dettaglio, anche se di poco valore, può ancora fare la differenza. Sono finiti i tempi delle plastiche cheap e dei polimeri scadenti: anche una shopping experience low cost può risultare fruttuosa, e senza intaccare pericolosamente il conto in banca. Godiamoci quindi il tempo più lungo che ci separa dal prossimo grigiore autunnale, ammesso che al suo ritorno ci sia ancora qualcuno disposto a dargli il benvenuto.

0 comments: