12 mar 2013

AUTUNNO INVERNO FALL WINTER 2013 2014 - PRINTS & THEMES


Terzo anticipo per l'autunno/inverno 2013-14: dopo i must-have e le anteprime di colori, pellami e scampoli è ora il turno di stampe e temi.

CUORE DI MAMMA

E non solo per San Valentino: li vediamo travolgere seriosi soprabiti dal classico aplomb inglese e stravolgere chiodi in nappa da biker metropolitano. Spiazzano e addolciscono quanto basta, senza risultare stucchevoli.

{da sinistra: Burberry, Moschino - click to enlarge. Buy it now}

NATURA MORTA

Lo scandire delle stagioni applicato alla moda. Dalla naturalezza estrema. 

{da sinistra: No21, Ports 1961 - click to enlarge. Buy it now}
 
A MACCHIA DI LEOPARDO

Ma non solo: la savana continua ad essere il leitmotiv più longevo della storia del costume. 
Uno dei pochi trend che non conosce crisi.

{da sinistra: Jonathan Saunders, Burberry - click to enlarge}

DUE DI PICCHE

Delle partite a Scala 40 con la nonna oramai è rimasto solo il ricordo: se le parole Texas Hold'em vi fanno pensare al nome di un panino da fast food allora avete tassativamente bisogno di un aggiornamento. A partire da quello che indossate.

{da sinistra: Aquilano.Rimondi, Angelo Marani - click to enlarge}

ASTRATTISMO

Qualcuno ci vedrà, candidamente, gli scarabocchi del suo pargolo. Altri un'opera del Kandinskij.
Ma d'altronde l'arte si presta a numerose interpretazioni.

{da sinistra: Maison Martin Margiela, John Galliano - click to enlarge}

SURREALISM

Gli impulsi e la casualità della mente diventano stampe paradossali al limite di un'esperienza extrasensoriale, come in un vorticoso flusso di coscienza pensieri incontrollabili e desideri inconfessabili finiscono sui ricami di coat e stivali. Meno male che genio e follia sono facce della stessa medaglia.

{da sinistra: Christian Dior, Kenzo - click to enlarge}

CROCIATA

L'impero resiste ancora ma queste collezioni sembrano un canto del cigno, l'exploit finale prima dell'inevitabile caduta. Facciamocene una ragione, è scritto nella storia.

{da sinistra: Dolce&Gabbana, Givenchy - click to enlarge}

OLD VILLAGE

Paesaggi rurali, scene di caccia, sfondi agricoli. Sarà mica un messaggio subliminale?

{da sinistra: Dévastée, Oscar de la Renta - click to enlarge}

TRIDIMENSIONAL

Psichedelici, allucinogeni, falsano la realtà e ce la riconsegnano mistificata, ma un po' d'evasione non guasta ogni tanto.

{da sinistra: Etro, Iceberg - click to enlarge}

GRUNGE

Lo spettro di Kurt Cobain aleggia su ogni lembo di pelle e su ogni quadretto che fa da sfondo alle camicie in tartan. Dal sound inconfondibile.

{da sinistra: Saint Laurent Paris, Givenchy - click to enlarge. Buy it now}

GARÇONNE

Il mese scorso, dopo più di duecento anni, la Francia aboliva il comma che vietava alle donne di indossare pantaloni senza autorizzazione medica. Sembra quasi uno scherzo ma questa legge del XIX secolo, seppur desueta, era ancora in vigore. Coco Chanel, incurante del diritto, aveva osato sfidarla, ma ancor più aveva osato sovvertire i costumi del tempo a favore di un abbigliamento più rilassato. Per fortuna a nessuno venne in mente di processarla, il buon senso ha prevalso.
 
{da sinistra: Dsquared2, Carolina Herrera - click to enlarge}

ANNI '40

Austerity, quante volte abbiamo sentito questa parola negli ultimi anni? Come minimo migliaia. 
Il periodo storico non è dei migliori ma si cerca ugualmente di andare avanti, si rivisitano e si riportano a galla tendenze del passato pre e post bellico. Cercando di non arrivare a ingloriosi scenari ansie e paure si stemperano in questo modo, con la moda.

 {da sinistra: Prada, Rochas - click to enlarge}

PUNK

Una subcultura dalle mille sfaccettature con un minimo comun denominatore: la musica punk-rock. 
Qualsiasi sia il vostro messaggio non siate sottili nel veicolarlo, il trend lo richiede esplicitamente.

{da sinistra: Versace, Rordarte - click to enlarge}

2 comments:

minichic ha detto...

posso dirti la verità? non mi sembra che nulla di nuovo batta sotto il sole ;-)
non c'è niente che non mi dia l'impressione di non avere già un valido surrogato nell'armadio

Cristina Elle ha detto...

Vero, anche se sicuramente prima o poi qualcosa da aggiungere assolutamente al guardaroba verrà fuori... :D