29 ott 2012

Three Ways to Wear: Oriental Treasure

 {• abito strech stampato Boohoo, decolletes a punta con doppio cinturino Asos. tracollina con nappine Zara, orecchini retrò Accessorize, cardigan con volant H&m, sfilata Proenza Schouler • sfilata Dries Van Noten fw12-13, pochette con ricami Accessorize, camicia cipria con pavoni Oasis, pantapalazzo LaRedoute, camicia con decori sulle maniche H&m, stivale con ghetta Zara, pochette in velluto Zara. • pumps turchesi con disegni Aldo, abito senza maniche e decoro sul collo H&m, cappotto dalla linea ad uovo modello "nastro" Max&Co., bisaccia in pelle modello Iside Furla, set di bangles Oasis via Asos, sfilata Emilio Pucci fw12-13. Non in foto: abito dalla linea a matita in stile cheongsam Asos, gonna al ginocchio in cotone e viscosa Desigual via Zalando}

Non è mai facile ritrovarsi ad interpretare i vari trend sparsi per il pianeta modaiolo: per questo ho deciso di "inaugurare" un nuovo tipo di rubrica in cui vi proporrò tre tipi di outfit suddividendoli per "grado di rischio", basso se le silhouette e i coloro sono poco vincolanti, medio se il mix&match non è inedito ma nemmeno banale, alta se include due o tre colori/stampe "ingombranti" e volumetrie insolite.

Le tradizionali vesti orientali da sempre affascinano stilisti e sarti per la precisione dei ricami, per la preziosità dei tessuti e per le avanzate tecniche di tessitura: per questo da quasi un secolo gli stilisti cercano di ricalcarne i profili adattando queste meravigliose creazioni al nostro stile di vita, più occidentalizzato. Il risultato è straordinario: tra i tagli obliqui Proenza Schouler e l'oriental chic di Peter Dundas per Pucci troviamo il melting-pot del belga Dries Van Noten. A metà strada tra oriente e occidente ci sono capispalla finemente decorati e jumpsuit dalle stampe rigogliose che solcano con la leggerezza del silk twill tutti i toni del blu. Sembra proprio il caso di dirlo: le vie della seta sono infinite.

The oriental traditional clothes have always attract the dressmakers for the precision of embroideries, for the precious fabrics and the weaving skills: for these reasons the designers have always tried to trace out their shapes and colors, adapting them at our lifestyle, westernize them. Result is amazing: the asymmetrical cuts of Proenzal Schouler and the Oriental-Chic of Peter Dundas (Pucci) cohabit with the melting-pot of Dries Van Noten. Midway between East and West we can find finely decorated coats and colorful silk twill jumpsuits in blue shades. It has to be said: silk-route works in mysterious ways.

0 comments: