12 feb 2012

Pe2012: Maracaibo

{seguendo l'ordine numerico: bracciale con charms Topshop, abito scollo a V Next, mini dress stampato Desigual, abito lungo a fiori Mango, bagnoschiuma biologico Bottega Verde, orecchini a scimmietta New Look, sandali intrecciati Jimmy Choo, gladiatori multicolor Asos, bracciali in plexi Coccinelle, collana con pendente Kenneth Jay Lane. Sfilate da sinistra: Missoni, Blumarine, Salvatore Ferragamo}

Suona come un mantra pubblicitario: che estate sarebbe senza flamenco? Non la si potrebbe chiamare tale infatti in mancanza delle gonne a ruota, dei tagli asimmetrici, dei volant fluidi che accarezzano il décolleté, dell'eccessivo abuso di stampe e colori. Puntuali come una cartella Equitalia si apprestano a far risaltare le silhouette di chi proprio non può vantare un derriere alla brasileira o una pancia scolpita, ma d'altronde a chi importa, siamo in estate e tutto, o quasi, è concesso. 
Il retrogusto spagnoleggiante rende tutto più agile e allegro: via libera alla mescolanza delle tinte e alla scelta di dettagli e maxi bangles in pvc colorato; schiocco di nacchere e ci ritroviamo in una foresta tropicale dalle tipiche colorazioni esotiche, salvo poi incontrare popolazioni autoctone ricoperti da una profusione di frange in raffia applicate ai sandali. Per fortuna arriva Massimiliano Giornetti, per Ferragamo, a sistemare un po' il tutto grazie alle scivolose tute in seta da diva anni '70. Semplice come un carnevale di Rio.

2 comments:

patatina ha detto...

mi sono innamorata dell'abito a destra!!! *___*

Cristina Elle ha detto...

Ehehe dai non era poi così difficile innamorarsi, è splendido! :)