03 feb 2012

PE2012: daisy motif

{seguendo l'ordine numerico: collier con ciondoli smaltati Pilgrim, soprabito con applicazioni Tibi, abito senza maniche Marc Jacobs, mini dress stampato Vero Moda, borsa grande in pelle Maddalena Marconi, orecchini a clip Forever21, décolletés traforate Asos. Le margherite sono adesivi murali di TeleAdhesivo. In sfilata da sinistra: Louis Vuitton, Marni, Giambattista Valli, Moschino. Tutto primavera/estate 2012} 

Nel momento in cui scrivo mezza Italia è praticamente imbiancata, fioccano i batuffoli di neve e anche i problemi alla viabilità. Quello che ci aspetta in primavera invece è una cascata a pioggia di graziose pratoline, uno dei fiori più comuni della nostra penisola. Dalle molteplici proprietà (lenitive, diuretiche, calmanti), questo fiore, spesso relegato all'anonimato, è tuttavia simbolo di lealtà e innocenza. Mica poco considerato il periodo di incertezza che stiamo vivendo. In prossimità con San Valentino poi è bene sapere che per gli innamorati ha valore di amore eterno. E forse è proprio per questo che molti stilisti l'hanno scelta per le proprie collezioni estive: la vediamo spadroneggiare su soprabiti dall'aria bucolica ma anche su tailleur e petite robe. Rossella Jardini è complice di una collezione votata all'opulenza e all'abbondanza dei dettagli a partire dal torero chic, rivisitazione di un capo d'archivio del fondatore Franco Moschino, per il resto troviamo un proliferare di wrap-dress in chiffon e taffetà ricoperti di volant, per poi concludere con un tripudio di frange, omaggio alla popolazione Navajo dell'america settentrionale. Dalla corrida si passa ad un incantato carosello-carillon, allestito nel Cour Carrée del Louvre, che ci catapulta in una magica atmosfera al limite del diabetico. Zuccherosi abiti a sacchetto dalle tonalità pale incontrano quel gusto aristocratico che le fa somigliare a bamboline di porcellana. Aria di gioventù anche in casa Marni: Consuelo Castiglioni opta per sagome lineari e pulite dal cöté arioso. Le stampe floreali si accostano alle geometrie seventies che dividono i capi in sezioni distinte. Un'eleganza fresca ma al contempo borghese, tipica dei salotti della Roma bene. Pronte al m'ama non m'ama ?

{qui sopra da sinistra: sfilate Laura Biagiotti, Blumarine, Moschino Cheap&Chic, tutto Pe2012}

2 comments:

angela ha detto...

incantata da tutto meno che dalla borsa... un po' troppo?!?
Le scarpe asos mi hanno rubato il cuore :°°°

Cristina Elle ha detto...

A me la borsa piace ^_^
Carine le pappe, quando le scontano falle tue! <3