26 gen 2012

Chain Reaction

 {in alto da sinistra in senso orario: sandali spuntati con catenella in oro laminato Gucci PE 2012, collana in plexi Coccinelle, abito senza maniche stampato Borbonese Resort 2012, sfilata D&G PE 2012, Elizabeth Olsen al Sundance Film Festival 2012, cropped pants stampati River Island, boyfriend jeans Asos, sandali con macro-catena Giambattista Valli PE 2012, mini dress stampato Asos, foulard con catene Mango, sandalo a listini Isabel Marant PE 2012, blusa con fiocco Dorothy Perkins, collana chiusura a T Lanvin, collana dentellata Yves Saint Laurent}

Quando si parla di stampe è impossibile non far riferimento ai grandi classici della moda, quali la scarf print, tornata in auge quest'estate, un classico Versace d'altri tempi, la stampa a fiori, di cui Erdem e Antonio Marras hanno fatto i propri simboli di riconoscimento, le stampe equestri Hermès e quelle colme di suggestioni fumettistiche Jean-Charles de Calstelbaljac, per non parlare del multicolor Pucci, oramai entrato negli annali della storia della moda. La stampa con catene è di sicuro il giusto compromesso tra stili diversi, è un classico dei bandeau ma ricorre spesso in moltissime altre stampe dal sapor orientale e moderno. E se Elizabeth Olsen, terza componente della famiglia dopo il proficuo duo di attrici-socialites-prezzemoline-nonchè stiliste di The Row, Ashley e Mary-Kate Olsen, ha osato indossando per la premiere del film Liberal Arts al Sundance Film Festival un maglioncino low cost del brand Topshop in perfetto stile tigre della Malesia, a Milano, per l'ultima collezione D&G, vediamo stampe-d'archivio che rendono le indossatrici dei veri e propri foulards viventi su cui stemmi e medaglie hanno la meglio. Le contaminazioni dei carrè in seta trovano poi uno sbocco tridimensionale nei dettagli che ornano sandali e bijoux, fino a diventare orpelli d'amore come con il bracciale artigianale in macramè Ponte Milvio Cruciani, il giusto suggello per legami indissolubili, nonchè un ottimo pensierino per San Valentino, prossimo a venire.

0 comments: