09 dic 2011

A little taste of spring

{a sinistra: Stella McCartney, one-piece Mango, giacca doppiopetto Topshop, decolletes Aldo, sfilata Céline}

Le stagioni subiscono una violenta sovversione (puro caso o riscaldamento globale?) e dal momento che attualmente più che Natale sembra essere marzo tanto vale giocare d'anticipo cominciando a pensare alla primavera (che, se continua così, è più vicina di quanto non lo sia mai stata). In questo caso si rovesciano i dettami che ci vogliono belle, toniche e scoperte; viene mostrata meno pelle possibile e ci si copre con blazer e tutine da meccanico ravvivate da fantasie che profumano di karkadè. Phoebe Philo (per Céline) ci delizia con capi aggraziati e sobri che più sobri non si più, fatta eccezione per i ricami floreali in stile antica Persia dagli intarsi dorati. 
Capi vivaci ma tutto sommato composti grazie alla scelta di silhouette semplici e controllate. 
Il cammino d'abbandono dell'opulenza è cominciato.

 {qui sopra: completo florealeAsos}

0 comments: